Loading...
Cosa c’è da visitare 2018-05-15T08:41:47+00:00

Numerose le attrazioni culturali e naturali offerte dal territorio circostante

L’Hotel Cinzia è situato a due passi dal centro storico di Comacchio e dai percorsi naturali che si estendono lungo le valli del delta del Po. Da Comacchio sino a Porto Garibaldi e lungo tutti i sette Lidi, pullulano inoltre ristoranti, trattorie e locali ricchi di menù a base di pesce

Centro Storico

Comacchio è il centro storico più originale ed affascinante del Delta del Po. Erede dell’antica Spina, a lungo contesa da ferraresi e ravennati, da Papi e Imperatori, ha origini antichissime: sorse infatti agli albori del Medioevo su tredici isolotti e fondò esclusivamente sull’acqua il proprio sviluppo urbano ed economico. Pesca, vallicoltura, produzione del sale furono la fonte della sua floridezza e anche dei suoi rovesci, a causa dei conflitti che la opposero a Venezia.

Oggi rimane una città dalle caratteristiche architettoniche intatte ed uniche, abitata da gente fiera delle proprie origini e dall’identità forte, una città di canali, di palazzi e di ponti monumentali

Percorsi naturalistici

Scoprire il Delta del Po navigando tra le sue acque.
Escursioni con motonavi per ammirare paesaggi unici ricchi di fauna da scoprire e fotografare. Ristorazione a base di pesce e momenti riservati anche per eventi privati e aziendali.
Il servizio è rivolto a singoli e a gruppi turistici.

PERCORSI: Le motonavi e le barche propongono escursioni nel litorale e sulla costa dei 7 lidi e nel Delta del Po, e in aree accessibili nell’entroterra come le vallette di Ostellato o Mesola, la Foce del Po di Volano, i canali interni al Delta, l’Isola dell’Amore e del Gabbiano, il Po di Gnocca, la Sacca degli Scardovari, il Po di Goro, Gorino Ferrarese, il Faro di Goro, Venezia e isole, Comacchio.

DURATA: L’escursione può variare dalle 2 ore all’intera giornata. In tal caso si potranno anche visitare con il supporto di una guida, luoghi e monumenti presenti sul territorio, dalla delizia Estense del castello di Mesola, alla Abbazia di Pomposa.
Partenze e arrivi da e per Porto Garibaldi, Goro, Gorino, Comacchio e Lido di Volano.

CONVENZIONI: l’Hotel Cinzia ha una convenzione con la Motonave Delfinus, chiedeteci per maggiori dettagli!

Un itinerario storico-ambientale per le valli di Comacchio, che si percorrono a piedi, in barcone o in bicicletta, permette il contatto diretto con i valori naturalistici dei luoghi e la conoscenza delle tradizioni della pesca e della vita lagunare. Strumenti, strutture, suppellettili usati per il lavoro e la permanenza nelle valli sono esposti nei casoni da pesca e da guardia restaurati Pegoraro, Serilla, Coccalino; una mostra generale a Foce, nel Centro di Documentazione, illustra i dati essenziali della storia, della flora e della fauna del comprensorio vallivo comacchiese. Un percorso attrezzato per il birdwatching permette un approccio diretto con la fauna stanziale e migratoria presente in questi ambienti incontaminati.

Punto di partenza è Casone Foce. Da Comacchio ci si dirige verso Ostellato, dopo alcuni Km si devia verso Anita, attraverso il ponte. Dopo circa 1 Km si gira a sinistra lungo la strada Arsa Pega, fino ad incrociare sulla sinistra la Strada Istria che conduce all’Argine Fattibello. Si imbocca la strada dell’Argine verso destra per raggiungere il Casone Foce.

L’attività di osservazione degli uccelli in natura sta conquistando un numero sempre crescente di appassionati che desiderano scoprire un mondo ancora a molti sconosciuto. Nel Parco del Delta del Po, la grande diffusione di ambienti naturali legati all’acqua, in una ampia pianura ancora non eccessivamente urbanizzata e per la maggior parte dedicata alle attività agricole, ha favorito una concentrazione di specie ornitiche, spesso raramente avvistabili in altri siti italiani o europei.

Il territorio del Delta è infatti riconosciuto a livello internazionale quale punto strategico nel flusso delle migrazioni di moltissime specie di uccelli europei e quale sito ideale per la riproduzione di molte altre. Ogni anno ospita oltre 55.000 uccelli svernanti o oltre 35.000 nidificanti.
Ogni stagione è ideale per fare birdwatching nel Delta, ma le più affascinanti, sia per la quantità di specie avvistabili, sia per i colori e l’aspetto che assume il paesaggio, sono senza dubbio la primavera e l’autunno.

La maggiore possibilità di avvistamento è concentrata nelle prime ore del giorno e all’imbrunire, quando l’avifauna è particolarmente attiva ed esce allo scoperto per procurarsi il cibo. E’ necessario equipaggiarsi adeguatamente: il binocolo è essenziale, insieme ad un abbigliamento sportivo, magari mimetico. Naturalmente è meglio muoversi senza disturbare la natura, seguendo in piccoli gruppi i numerosi percorsi attrezzati con torrette di avvistamento o capanni mimetizzati che si addentrano nella vegetazione delle oasi

Tempo libero

Nei numerosi maneggi dell’entroterra, inseriti in una rete di percorsi di trekking, sono a disposizione guide e cavalieri esperti per esaudire ogni tipo di richiesta e curiosità.

Un’attrattiva molto particolare del Parco del Delta è costituita dai docili cavalli bianchi, estremamente versatili e adatti a gite ed escursioni guidate nella pineta, lungo le dune della spiaggia o attraverso la silenziosa campagna

Mentre la cucina ferrarese resta fondamentalmente legata alla corte Estense, dove il gourmet Cristoforo da Messisbugo dettava legge in fatto di arte culinaria, quella di Comacchio e del suo litorale si trasforma completamente, facendo un bel tuffo nelle sue acque, dove il pesce, di valle e di mare, diventa l’autentico protagonista della tavola. Una tavola davvero profumata ed imbandita, dove l’anguilla, considerata non a torto la “regina”, cambia foggia e gusto, cucinata in mille modi: in graticola, a brodetto, a becco d’asino o con le verze, salata, marinata, tagliata a braciolette, ecc..

Da Comacchio (centro storico) sino a Porto Garibaldi e lungo tutti i sette Lidi, pullulano ristoranti, trattorie e locali di ogni genere, ricchi di menù a base di pesce. Si comincia dai gustosissimi e ghiotti antipasti: cozze, cappe sante, astici, canocchie, peveracci, vongole veraci, acquadelle, anguilla marinata, gamberetti e quant’altro. Si prosegue con i variegatissimi primi piatti: risotti di mare e alla pescatora, d’anguilla e di pesce, spaghetti ai granchi o alle canocchie, zuppe di pesce per poi arrivare alle squisitissime ed abbondanti grigliate di pesce: al centro l’immancabile anguilla squartata (non disdegnate una spruzzatina di limone), accompagnata dall’altrettanto necessaria polenta e tutt’intorno sogliole, soasi, passere, cefali, rombi, orate e branzini con seppie ripiene e spiedini di gamberi. Il tutto innaffiato dall’ottimo e corposo vino rosso del Bosco Eliceo Doc Uva d’oro, l’unico “rosso” che si sposa perfettamente col pesce, come sostenuto nientemeno che da Luigi Veronelli e Mario Soldati.

Punto di partenza è Casone Foce. Da Comacchio ci si dirige verso Ostellato, dopo alcuni Km si devia verso Anita, attraverso il ponte. Dopo circa 1 Km si gira a sinistra lungo la strada Arsa Pega, fino ad incrociare sulla sinistra la Strada Istria che conduce all’Argine Fattibello. Si imbocca la strada dell’Argine verso destra per raggiungere il Casone Foce.

Sagre locali

Comacchio > Dal 28 settembre al 14 ottobre 2018
Info: tel. 0533314154 Ufficio Informazioni di Comacchio

Due fine settimana per festeggiare la “regina” dei prodotti del Delta del Po

Porto Garibaldi > 19-20 e 26-27 Maggio 2018

Stand gastronomico per degustazione dei prodotti ittici locali cucinati secondo l’antica tradizione dei pescatori del luogo, animazione ed intrattenimenti vari.

Porto Garibaldi > 3 giugno 2018

Festa paesana che prevede una processione in mare con i motopescherecci, animazione, luna park e fuochi artificiali.

06-07 Luglio 2018
Info: tel. 0533314154 Ufficio Informazioni di Comacchio

La Notte Rosa è la grande festa dell’estate italiana, il capodanno dell’estate in Riviera. Una notte unica, indimenticabile. Dal tramonto all’alba i 110 chilometri della Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna sono un’esplosione di luci, suoni, immagini,colori

Porto Garibaldi > 14 agosto 2018

Appuntamento tradizionale dell’estate durante il quale si possono gustare gratuitamente quintali di pesce azzurro, pescato e subito fritto, accompagnato da fresco vino di bosco.A completare l’offerta: gustosi e succosi cocomeri per tutti. Gli stand gastronomici entreranno in funzione a partire dalle 19,30 sino a mezzanotte, quando il cielo sarà solcato dai bagliori di un’affascinante spettacolo pirotecnico sul mare. Ad animare la serata orchestre da ballo, animazione per bambini e tanta allegria.

Lungomare di Porto Garibaldi > 8 e 9 Giugno 2018